In collaborazione con ReviewsBird

Come aprire un conto corrente oggi

Come aprire un conto corrente oggi
Hai trovato il tuo primo lavoro e devi aprire un conto corrente per ricevere la busta paga? Non preoccuparti, in realtà si tratta di una procedura abbastanza semplice Però, prima di recarti in banca, controlla i siti delle banche e comprendi quale offerta si adatta meglio alle tue esigenze
scrivi un commento 17

Hai trovato il tuo primo lavoro e devi aprire un conto corrente per ricevere la busta paga? Non preoccuparti, in realtà si tratta di una procedura abbastanza semplice. In effetti, possedere un conto corrente è essenziale per diversi motivi. Grazie a questo strumento potrai gestire tutta la tua vita finanziaria, accumulare i tuoi risparmi, fare i tuoi primi investimenti, associare la tua carta di credito per pagare in modalità contactless e fare i tuoi acquisti online, pagare tasse e bollette, ricevere la busta paga ed altre funzioni.

Però, prima di recarti in banca per aprire il tuo primo conto corrente personale, ti conviene confrontare i costi e la qualità dei servizi di ciascuna banca. Come fare? Prima di tutto, controlla i siti delle banche e comprendi quale offerta si adatta meglio alle tue esigenze, dopodiché controlla recensioni dei clienti degli istituti finanziari sul portale di recensioni, reviewsbird, dove potrai consultare le conto arancio recensioni, e di tutte le offerte di tutte le altre banche che operano in Italia.

Una volta scelta la banca e lo strumento che fa per te è arrivato il momento di capire quali procedure seguire per aprire un conto corrente oggi.

Cos’è e che tipi di conto corrente esistono

Per iniziare, è importante capire cos’è un conto corrente. Si tratta di un contratto con il quale un risparmiatore decide di affidare i propri soldi ad un determinato istituto finanziario. Grazie ad un conto corrente, l’intestatario potrà svolgere tutte le funzioni che di solito effettua con il denaro contante, come pagare le bollette e tasse o effettuare altri tipi di pagamento, mediante il proprio conto corrente. Le banche offrono anche un servizio di home banking online per gestire ed effettuare tutte le proprie operazioni finanziarie, come pagamenti, versamenti, investimenti etc.

Nel mercato finanziario si possono trovare diversi tipi di conto corrente: conto ordinario, dove la banca guadagna una commissione su ogni operazione svolta dal risparmiatore; conto di base, che permette all’utente di effettuare soltanto le operazioni di base, come pagamenti, versamenti, ricevere lo stipendio, domiciliare le utenze etc.; conti a pacchetto, per la quale l’utente dovrà pagare una quota fissa annua per svolgere le proprie operazioni, senza commissioni; conti in convenzione particolare, che posseggono diverse caratteristiche concordate tra la banca e l’utente; ed i conti online, che offrono la libertà all’utente di gestire tutte le proprie operazioni senza doversi recare in banca, ma direttamente accedendo all’applicazione dell’istituto, o l’home banking sul sito, con smartphone, tablet o pc.

I requisiti per aprire un conto corrente

Per aprire un conto corrente non occorrono grandi requisiti, l’importante è avere raggiunto la maggiore età, anche se la maggior parte delle banche offrono strumenti finanziari, come le carte prepagate ed i libretti di risparmio, anche per i più giovani.

Quali documenti sono necessari per aprire un conto corrente

Per aprire un conto corrente non occorre né un documento che attesti un reddito dimostrabile, né un particolare capitale finanziario, bastano infatti i seguenti documenti:

  • un documento d’identità valido (per esempio carta d’identità, patente o passaporto);
  • un certificato di residenza che attesti la residenza in italia, anche se alcune banche non lo chiedono più;
  • il codice fiscale.

Per i giovani, soprattutto se iscritti all’università, la banca può richiedere informazioni aggiuntive allo scopo di applicare agevolazioni e piani tariffari specifici.

Costi per aprire un conto corrente

L’utente può aprire un conto corrente senza spendere nulla. La maggior parte delle banche offre anche conti online che si possono aprire senza spendere un euro. Invece, i costi per il mantenimento del conto e le operazioni effettuate, dalle caratteristiche del piano tariffario scelto. Per aprire e mantenere un conto corrente, l’utente dovrà sostenere tre tipologie di costi: l’imposta di bollo, che è una tassa statale ed è uguale per tutti; i costi fissi, per la gestione ed il mantenimento del conto e delle carte ad esso connesse, e per ripagare le spese della banca nello svolgimento delle sue operazioni per la gestione del conto, i quali dipendono dalla banca; ci sono infine i costi variabili, che cambiano a seconda del piano tariffario adottato e dalle operazioni svolte.

Quanto tempo ci vuole per aprire un conto corrente?

I tempi per l’apertura di un conto sono generalmente brevi. Una volta che la banca ha effettuato il controllo sui documenti, il cliente può accedere al suo conto corrente anche mediante l’home banking sul sito e l’app per lo smartphone.

sabato 23 Luglio 2022

(modifica il 28 Luglio 2022, 12:12)

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti